Seguici:

Tortellini Bolognesi fatti in casa: come farli e quali consigli seguire. 

Il tutorial che cercavi

 “[…] L’oste, ch’era guercio e bolognese,

imitando di Venere il bellico,

l’arte di fare il tortellino apprese.”

(La Secchia Rapita, A. Tassoni)

Storia e leggenda

Più è antica una pietanza, più il suo gusto ce ne racconta la storia!

La leggenda vuole che il tortellino sia la riproduzione dell’ombelico di Venere ma dal punto di vista storico è un piatto risalente al XII secolo e tradizionalmente veniva servito a Natale

Il tortellino bolognese non è solo una pietanza che rende l’Italia famosa in tutto il mondo, ma è anche parte di una storia, di una cultura, è emblema di una terra. 

Il tortellino, come molti piatti tradizionali italiani, nasce dal concetto di: “in cucina non si butta nulla”, infatti è dagli avanzi di carne che nasce l’idea di un primo piatto farcito, caldo e soprattutto buonissimo.

Cos’è il tortellino e come è fatto

Il tortellino bolognese è un quadratino di sottilissima pasta all’uovo ripiena di carne di maiale e richiuso in un elegante movimento circolare.

Se è vero che il cibo è condivisione, il tortellino ne è certamente il paladino! 

La sua preparazione richiede tempo e dedizione, passione e manualità; la prima regola di chi cucina è trasmettere emozioni buone (e non solo sapori) a chi gusta, anche a se stessi quindi. Per fare tutto ciò, bisogna munirsi di buon umore, positività e organizzazione. 

Preparare i tortellini in casa è come un rito sacro, un momento di gioia in cui tutti i sensi vengono coinvolti. La magia inizia dall’impasto ed il tatto ricopre un ruolo importante in questa fase perché fa capire, dopo aver impastato, quando si raggiunge la consistenza esatta. 

Durante la preparazione del ripieno invece subentra l’olfatto: un tripudio di profumi, tra mortadella, prosciutto, parmigiano e altri ingredienti. 

Un momento delicato è quello in cui si stira la pasta e poi si taglia in quadratini uguali, è quello il momento di aguzzare la vista per poi rilassarla con la bellezza nere” realizzato, pronto per tuffarsi in pentola; ed ecco l’udito, tortellini che danzano tra le bolle del brodo di cappone. Ed infine, il senso più atteso: il Gusto!

Tradizione, evoluzione e adattamento

Oggi si tende a rivisitare i piatti tradizionali e i cibi poveri trovano sempre più spazio nella nouvelle cousine, li vediamo protagonisti dei menu nei migliori ristoranti, ma spesso perdendo la loro essenza. 

I tortellini vengono spesso proposti con panna o salse particolari, cotti al forno ed in mille altri modi, ma si può dire di aver mangiato un vero piatto di tortellini bolognesi solo se cotti in brodo di cappone!

Il concetto cambia se si tratta di adattamenti volti all’incontro di culture diverse; la società oggi è multiculturale e le tradizioni si adattano ad essa, da qui l’idea di preparare tortellini ripieni di pollo invece che di carne di maiale, per dare modo alla comunità musulmana di assaggiare questa pietanza. 

Adattare un piatto tradizionale può essere un importante simbolo di accoglienza ed a tal proposito il grande Guccini ha espresso così il suo parere7

:+ “Che problema c’è?” Reputando il tortellino dell’accoglienza, (così chiamato quello farcito con pollo) un ottimo modo per abbracciare la comunità musulmana.

Il piatto tradizionale più “buono” di tutti!

4 consigli per fare tortellini a regola d’arte: 

  1. La pasta va maneggiata delicatamente, quasi accarezzata, solo così potrete ottenere una sfoglia sottilissima e trasparente. Per ottenere lo spessore perfetto esercitate una leggera pressione oppure per facilitare questo passaggio, acquistate la Macchina Per Pasta in Casa Marcato Atla 150, non servirà il mattarello ed otterrete una sfoglia più uniforme, senza correre il rischio di romperla. 

Ricordate sempre di spolverare il piano di lavoro con un po’ di farina, servirà a non fare attaccare la pasta. https://amzn.to/3hIpoq1 

  1. Ottenuto il velo di sfoglia, si taglia a quadratini tutti uguali e non troppo grandi. 

Per evitare di avere quadrati di diverse misure e per velocizzare questo passaggio, il Tagliafacile in Acciaio di Elettro Center è l’utensile perfetto, risparmierete tempo ed il risultato sarà certamente migliore. https://amzn.to/2RNOskB 

  1. Il ripieno sul quadratino di sfoglia non deve avere una forma ben precisa e soprattutto non ne va messo troppo, altrimenti sarà più complicato chiudere bene i margini del tortellino.
  1. L’ultimo passaggio è quello più importante: dare forma al tortellino. 

Si uniscono i due angoli opposti del quadrato fino a creare un triangolo, pressate bene i bordi attorno al ripieno in modo che sia ben chiuso e non si perda in cottura, dopodichè si uniscono le due estremità inferiori del triangolo, et voilà! Un tortellino a regola d’arte!

In questo video Anna vi guiderà nella preparazione di un vero piatto di tortellini fatti secondo la tradizione bolognese

Iscriviti al canale, metti un like e condividi.

https://www.youtube.com/channel/UCDerKGKkzrFrixHkPMONVuw

Ecco due libri consigliati:

Seguici: